Federazione Regionale Coldiretti Piemonte

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

30/05/2019 - N.85

COLDIRETTI PIEMONTE – LATTIERO CASEARIO: TENERE ALTA L’ATTENZIONE PER EVITARE ULTERIORI SCIPPI DA MANI STRANIERE

I francesi di Lactalis acquisiscono la Nuova Castelli dopo che, negli anni scorsi, avevano già fatto incetta di marchi italiani come Parmalat. Locatelli, Invernizzi, Galbani e Cadermartori. La nuova Castelli è il principale esportatore di Parmigiano Reggiano così la presenza francese in Italia si estende a prodotti nazionali a denominazione di origine (Dop).
Un’operazione lampo, molto probabilmente frutto della distrazione presente nel nostro Paese a causa delle elezioni, ma che ora rischia di essere pagata dagli allevatori italiani ai quali la Lactalis ha infatti appena minacciato di ridurre unilateralmente il prezzo del latte alla stalla sottoscritto solo pochi mesi fa, in controtendenza rispetto all’andamento del mercato – fanno notare Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale -. Un’assurdità pensare che un prodotto simbolo del Made in Italy possa diventare francese. Dobbiamo vigilare attentamente su questa situazione che potrebbe cambiare gli equilibri di mercato, mettere a rischio la competitività del sistema produttivo nazionale e aprire le porte alla delocalizzazione. Per questo ora devono essere resi pubblici - proseguono Moncalvo e Rivarossa - tutti i termini dell’accordo e pretese adeguate garanzie sulle produzioni, sulla tutela delle denominazioni dalle imitazioni, sulla difesa dei posti di lavoro e sull’eventuale abuso di posizioni dominanti sul mercato lattiero caseario. Alla luce di quanto avvenuto, cresce anche la preoccupazione per le Dop piemontesi che sono ben 10 e coprono da nord a sud la nostra regione, dal Gorgonzola alla Robiola di Roccaverano, dal Castelmagno all'Ossolano, e che potrebbero fare prima o poi la stessa fine. Per questo continuiamo a tenere alta l'attenzione e a difendere i marchi storici, fondamentali per il nostro agroalimentare e per garantire ai consumatori prodotti veramente italiani dei quali è possibile tracciare la provenienza e avere la certezza di tutta la filiera produttiva.