Federazione Regionale Coldiretti Piemonte

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

                                                       
Storia
Il Coordinamento per l'Imprenditoria Femminile Donne Impresa, di recente costituzione, trae le sue origini dal Movimento Femminile, articolazione organizzativa delle donne associate alla Coldiretti, sorto nel lontano 1953.
Il Movimento, caratterizzatosi inizialmente come raggruppamento delle donne rurali, si è impegnato principalmente su temi come le pensioni, la scuola, le abitazioni e le infrastrutture del territorio rurale. Nel 1976, trasformatosi in movimento di categoria autogestito dalle donne coltivatrici, ha sviluppato temi più strettamente professionali e sindacali, continuando sempre ad occuparsi in modo specifico della condizione femminile e del ruolo della donna nella famiglia e nella società. 
 

FinalitàIl Coordinamento Donne Impresa si propone le seguenti finalità:
  • promuovere lo sviluppo dell’imprenditoria femminile in agricoltura e nel mondo rurale,
  • elaborare indicazioni e proposte in materia di politiche sociali, a partire dall’analisi della realtà femminile agricola e del mondo rurale, in tutti i suoi cicli di vita;
  • svolgere un’azione di sensibilizzazione alle realtà specifiche del mondo agricolo e rurale, anche attraverso il confronto con le altre realtà femminili ed i consumatori;
  • favorire la partecipazione femminile all’azione sindacale anche attraverso programmi di formazione permanente delle donne;
  • rappresentare la Coldiretti nelle istituzioni della parità e negli organismi per le politiche femminili, a tutti i livelli regionale, nazionale ed europeo;
  • accrescere la presenza delle donne negli organismi decisionali interni ed esterni alla Coldiretti.
Il nuovo Coordinamento si pone inoltre l’obiettivo di promuovere iniziative volte a migliorare la qualità della vita dell’imprenditrice agricola, stimolandone gli interessi e valorizzandone le capacità. Questo orientamento prevede la ricerca di esperienze nuove, anche non strettamente riconducibili al contesto lavorativo aziendale, che possano fornire alle donne maggiori  strumenti per arricchire e rafforzare la propria personalità, cultura e quindi la propria identità di imprenditrici.
La coltivatrice diretta di oggi è fortemente impegnata a ridisegnare la propria immagine ed a garantire una presenza sempre più competente, propositiva e vincente.
Questo è il nostro augurio.

 
Attività
L’attività del Coordinamento piemontese è rivolta allo sviluppo dell’imprenditoria femminile, anche attraverso la realizzazione di sinergie tra settori produttivi diversi atte a favorire uno sviluppo locale intersettoriale, che consenta l’inserimento di nuove attività imprenditoriali femminili nel contesto agricolo-rurale.
 
Il Coordinamento ha una sua rappresentante nella Consulta femminile della Regione Piemonte e nei Comitati provinciali per l’imprenditoria femminile delle Camere di Commercio. 


Struttura organizzativaIl Coordinamento è composto dalle socie elette nel Consiglio della federazione regionale Coldiretti e da una o più socie designate dai Coordinamenti provinciali.